martedì 22 dicembre 2009

Download Office 2010 Beta Developer Training Kit

Dal seguente sito
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=en&FamilyID=f1599288-a99f-410f-a219-f4375dbe310c potete scaricare il training kit contenente materiale formativo per la programmazione di Office 2010 beta.

domenica 20 dicembre 2009

Recensione libro: Pro Silverlight 3 in C#

Scheda del libro:

Autore:
Mattew MacDonald
Prezzo: $49.99
Caratteristiche:
640
ISBN13:
978-1-4302-2381-8
anno di edizione: 11/2009
ebook $34.99
ISBN10: 1-4302-2381-2
Lingua: Inglese
Editore: Apress

Per coloro che utilizzano la tecnologia Silverlight o si stanno avvicinando a questo nuovo modo di fare siti web, il libro Pro Silverlight 3 in C# http://apress.com/book/view/1430223812 edito della casa editrice http://apress.com è un ottimo libro per padroneggiare questa tecnologia. Il libro è scritto in lingua inglese ed è composto da ben 20 capitoli per circa 720 pagine.

Nel libro non è allegato nessun Cd-rom o dvd, i sorgenti utilizzati in questo libro si possono scaricare dal seguente sito http://apress.com/resource/bookfile/4479

Nei capitoli sono presenti diversi esempi di codice ed immagini a colori, si presta ben volentieri alla lettura.

Il libro è stato scritto da Matthew MacDonald www.prosetech.com autore di numerosi libri ed articoli, vanta una buona preparazione ed è partecipe in varie community, a tal punto che gli è stato assegnato il riconoscimento MVP in Silverlight da Microsoft.

Ma vediamo in dettaglio i vari capitoli del libro.

Il primo capitolo, come in ogni libro che si rispetti, fornisce al lettore una valida introduzione al nuovo modo di programmare i siti web tramite Silverlight. Dopo aver fornito indicazioni sul funzionamento di Silverlight ed i vari strumenti e sull’ambiente di sviluppo Visual Studio 2008, si passa ad un semplice esempio di codice in Silverlight. Tutti gli esempi si basano sul linguaggio di programmazione C#. Continuando a leggere il capitolo, vedremo, come compilare il nostro primo progetto in Silverlight, e di come utilizzarlo nelle nostre pagine web di tipo Asp.Net. Un capitolo che introduce in maniera completa ed esauriente il funzionamento di Silverlight, molto importante per coloro che si stanno avvicinando a questa tecnologia.

Con il secondo capitolo si passa al linguaggio di markup XAML, infatti alla base di Silverlight oltre al linguaggio di programmazione .Net, si utilizza XAML. Dopo una breve introduzione al significato XAML, l’autore del libro passa alla pratica illustrando alcuni esempi di codice per far comprendere al lettore il funzionamento di XAML. Il capitolo è molto ampio, ed illustra in maniera professionale ed esauriente questo argomento. Il lettore che si avvicina per la prima volta a questo linguaggio di markup saprà utilizzarlo con dimestichezza.

Nel terzo capitolo si passa ad una parte molto interessante, l’aspetto, ossia il layout di una pagina creata in Silverlight. Dopo una breve introduzione ai controlli che ci permettono di applicare l’aspetto alla nostra applicazione, si passa a qualche esempio codice tramite il controllo stackpanel, illustrando di questo controllo la proprietà che possiamo utilizzare per dare un certo stile alla nostra applicazione. Continuando a leggere il capitolo, si passa ai controlli wrapPanel e Dockpanel,grid e la possibilità di personalizzare da codice l’aspetto della pagina. La parte conclusiva di questo capitolo è dedicato alla possibilità di applicare una barra di scorrimento laterale tramite il controllo ScrollViewr, e di visualizzare l’applicazione a schermo intero.

Il quarto capitolo, riguarda sempre la personalizzazione delle applicazioni Asp.Net. In questo capitolo vedremo come creare delle proprietà, di cui venne fatto un accenno nelle prime pagine, per poi passare alla gestione degli eventi del mouse. La parte riguardante gli eventi, illustra come gestire alcuni aspetti interessati di interrazione tra l’applicazione ed il mouse. Troviamo alcuni esempi di codice, come il mouseleftbuttonDown, mousemoved, mousewheel, il cursore e tanti altri aspetti sulla gestione del mouse. La parte conclusiva del capitolo riguarda la gestione della tastiera ed in particolare la possibilità di intercettare i caratteri digitati.

Il capitolo 5, fornisce indicazioni interessanti sulla gestione dei caratteri, ossia impostare un certo tipo di font, colore, effetto ed altro, l’utilizzo di alcuni controlli più comuni, come quello image, utton, hyperlinkbutton, toggledebutton and repeatbutton, checkbox, radiobutton, tooltips, popup, listbox, combo box, tabcontrol, textbox, slider, progress bar, e datecontrols. Si precisa che in pochi casi, si descrive il controllo con esempi di codice, mentre nella maggioranza di essi viene fornita una descrizione di tale controllo senza codice.

Il capitolo 6, permette di comprendere l’anatomia di un’applicazione Silverlight. Il capitolo, vuole fornire al lettore le conoscenze per comprendere le varie fasi dell’applicazione che si sta creando. Nelle prime pagine viene illustrato come rilevare informazioni dell’applicazione corrente tramite apposite proprietà, come gestire le informazioni ed il passaggio dei parametri tramite il viewmodel nell’evento di avvio (startUp) dell’applicazione Silverlight, continuando con l’evento di chiusura e la gestione delle eccezioni. Continuando a leggere il capitolo, viene illustrata la possibilità di creare una finestra di attesa (splash Screen), la possibilità di effettuare l’installazione, di aggiornare e rimuovere l’applicazione creata e l’utilizzo di risorse. Un capitolo molto interessante che viene trattato poco nei libri, ma che può tornare utile in diverse circostanze. La navigazione di un sito è un tema molto importante, se l’applicazione Silverlight che si sta sviluppando non è facilmente comprensibile, gli utilizzatori potrebbe non trovare le informazioni o funzionalità da loro richiesti.

Nel capitolo settimo, sono illustrate interessanti tecniche per migliorare la navigabilità delle applicazioni silverlight, utilizzando i vari controlli o aspetti, che un buon sviluppatore deve tenere a mente. Un capitolo a differenza dei precedenti molto breve, ma con importanti indicazioni.

Il capitolo ottavo affronta le forme geometriche, argomento spesso trattato in molti libri su Silverlight. In questo capitolo troviamo la creazione delle varie figure geometriche che possiamo realizzare tramite il linguaggio di Markup XAML. Figure quali il rettangolo, il cerchio, linee, e tanti altri, impostando il colore e gli effetti.

Il capitolo 9, riguarda la grafica. In questo capitolo è illustrato come manipolare immagini e testo, come applicare ad un determinato testo degli effetti grafici. Dopo una breve introduzione alle classi ed oggetti messi a disposizione da Silverlight, vedremo come manipolare del testo, applicare la trasparenza, opacità ed altri effetti sulle immagini. Un buon capitolo che fornisce delle valide basi per lavorare con la grafica.

Il decimo capitolo riguarda le potenzialità offerte da Silverlight in ambito delle animazioni. Il capitolo è interamente dedicato alla creazione di applicazioni silverlight con effetti animati. Vedremo le classi da utilizzare per creare dei filmati, lettori video e tanto altro. Il capitolo è molto vasto ed affronta in maniera esauriente questo tema, il lettore acquisirà delle buoni basi su questo argomento.

Il capitolo 11 viene illustrato come utilizzare la parte video, suono e deep zoom in Silverlight. Dopo una breve introduzione nelle prime pagine viene illustrato come utilizzare l’audio nelle nostre applicazioni Silverlight. Continuando a leggere nel capitolo, si passa alla parte riguardante la possibilità di includere nelle nostre applicazioni dei video. La parte conclusiva del capitolo è dedicata a Deep Zoom, un capitolo a differenza dei precedenti breve, ma ricco di spunti per applicazioni multimediali.

Il capitolo 12 si passa alla gestione degli stili nei controlli e nelle applicazioni Silverlight e la gestione dei behaviors.

Il capitolo 13, fornisce importanti spunti di programmazione avanzata. In questo capitolo sono presi in esame temi interessanti, come la creazione di modelli e controlli personalizzati. Nelle prime pagine viene illustrato come creare un modello e riutilizzarlo in altri progetti. L’esempio molto semplice fa comprendere al lettore l’importanza di creare modelli riutilizzabili. Al termine di questo argomento, si passa alla creazione di controlli personalizzati. L’autore fornisce esaurienti nozioni e tecniche di come crearsi componenti personalizzati, che possiamo utilizzare in altri progetti.

Il quattordicesimo capitolo, affronta un argomento poco trattato in altri libri, ma che ha una sua importanza. In questo capitolo vedremo come interagire con la pagina web, con il codice html della pagina in cui sta girando l’applicazione Silverlight. Il capitolo guida passo per passo il lettore ad esempi sempre più complessi ed interessanti sull’utilizzo di pagina html. Un tema importante che può tornare sempre utile.

Il capitolo 15, fornisce al lettore le basi per utilizzare nelle applicazioni Silverlight i servizi web di tipo Windows Communication Services. Il capitolo a differenza di molti altri è breve, fornisce indicazioni di base per la gestione dei servizi. Servizi che vedremo il loro utilizzo anche nei successivi capitoli.

Nel capitolo 16, si passa ad un tema molto interessante la gestione dei dati ed in particolare come associare ai controlli una fonte dati. Nel capitolo viene illustrato come verificare la correttezza dei dati, l’utilizzo dei servizi web per gestire una fonte dati, l’utilizzo di oggetti, l’utilizzo di linq per la manipolazione dei dati, e tante altre tecniche interessanti di utilizzo di una fonte dati nelle applicazioni Silverlight. Il capitolo fornirà al lettore le adeguate competenze per gestire vari scenari di fonte dati.

Il capitolo 17 continua la parte dedica alla gestione dei dati nei controlli. Nelle prime pagine di questo capitolo vedremo come gestire la correttezza dei dati inseriti nei controlli (textblock), l’utilizzo delle espressioni regolari, dell’obbligatorietà dei dati. Terminata la convalida dei dati, si passa al controllo datagrid, un controllo molto utile e potente per gestire i dati. L’utilizzo di questo controllo viene affrontato in maniera molto approfondita illustrando tante tecniche del suo utilizzo, come l’ordinamento, la personalizzazione delle colonne di tipo immagine, calendario e tanto altre tecniche interessanti. La parte conclusiva riguarda il controllo treeview che viene illustrato in maniera molto marginale.

Nel terz’ultimo capitolo, ossia il diciottesimo, viene illustrato l’utilizzo di Silverlight al di fuori delle pagine web, ossia di alcune tecniche di utilizzo esterno. Tecniche come la possibilità di utilizzo di una finestra di dialogo, la scrittura e lettura di dati fisici per il download o upload dei file. Anche questo capitolo è molto breve, vengono forniti brevi accenni.

Il penultimo capitolo, il diciannove, riguarda il multithreading. Il capitolo contiene molti esempi di codice che illustrano i vari scenari di utilizzo per la gestione dei processi. Il capitolo è molto breve, ma i numerosi esempi di codice danno al lettore le basi del concetto di multithreading.

Il ventesimo ed ultimo capitolo è un capitolo dedicato alla connettività esterna, ossia come connettersi ad altri sistemi che espongono servizi. La gestione di XML è affrontata in maniera esauriente, includendo anche Linq. Tra i vari esempi, troviamo anche la gestione di rss, la connessione sockets e tcp, ed altri aspetti interessanti di come utilizzare Silverlight con sistemi esterni.

Di seguito si riportano i vari capitoli che compongono questo ottimo libro

1) Introducing Silverlight

2) XAML

3) Layout

4) Dependency Property and Routed Events

5) Elements

6) The Application Model

7) Navigation

8) Shapes and Geometries

9) Brushe, Transforms, and bitmaps

10) Animation

11) Sound, Video, and Deep Zoom

12) Styles and Behaviours

13) Templates and Custom Controls

14) Browser integration

15) Asp.Net Web Services

16) Data Binding

17) Data controls

18) Isolated Storage

19) Multithreading

20) Networking

Conclusioni:

Un ottimo libro che fornisce al lettore un percorso formativo in costante crescita tra i vari capitoli. Gli argomenti sono affrontati in maniera esauriente, contenente numerosi esempi di codice di situazione comuni. Un libro molto importante per coloro che utilizzano già la tecnologia Silverlight o si stanno avvicinando. Un libro che non può mancare sullo scaffale di un buon programmatore. Il libro è scritto tramite il linguaggio di programmazione C#, per coloro che sono interessati alla versione relativa al linguaggio di programmazione Visual Basic .Net, possono trovare in questo sito http://apress.com/book/view/1430224274 il libro scritto per questo linguaggio dello stesso autore.

sabato 19 dicembre 2009

venerdì 18 dicembre 2009

.Net campus evento gratuito su .Net a Roma

Il 13 marzo 2010, si svolgerà a Roma, presso l'università Roma 3, facoltà d'ingegneria, l'evento gratuito .Net Campus http://www.dotnetcampus.it/.
L'evento completamente gratuito per studenti e non, riguarderà diversi temi legati alla tecnologia .Net, sviluppo web, mobile, Silverlight e tanto altro.
L'agenda dell'evento è visibile a questo indirizzo http://www.dotnetcampus.it/Agenda.aspx mentre il sito per la registrazione si trova a questo indirizzo http://msevents.microsoft.com/CUI/EventDetail.aspx?EventID=1032433548&Culture=it-IT
Che dirvi.... buona formazione :-D

martedì 8 dicembre 2009

Programma gratuito per vedere la televisione direttamente dal PC

Il software gratuito TVLC portatile scaricabile dal seguente sito http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1103&Itemid=33 permette di vedere la televisione direttamente dal proprio pc.
Il software è in lingua italiano, ed è in due versioni, la prima permette solo di vedere i filmati, mentre la versione record permette di registrare i programmi tv.
Per maggiori informazioni e download visitate i siti indicati.

lunedì 7 dicembre 2009

Convertire file Flash in Silverlight

Dal seguente sito http://www.silverx.net/index.html si può scaricare un programma gratuito (per uso personale) per la conversione di file in formato Flash, in silverlight.
Il programma di conversione, permette di trasforare i file flash in Silverlight.
Che dirvi... buona conversione :-DDD

venerdì 4 dicembre 2009

download Microsoft Silverlight 4 Tools for Visual Studio 2010 Beta 2

Rilasciato un nuovo aggiornamento per Visual Studio 2010. Dal seguente sito http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=en&FamilyID=68a158af-9bb8-4855-a724-d09d196eaaf3 potete scaricare il componente aggiuntivo per la creazione di progetti in Silverlight 4 per Visual Studio 2010.

Tutorial silverlight utilizzare il controllo checkbox

Si riporta l'articolo preposto per il sito http://www.iprogrammatori.it/articoli/programmazione/art_i-controlli-di-silverlight-20-il-control_755.aspx

Introduzione

Continua la serie di articoli dedicati allo sviluppo web con la tecnologia Silverlight 2.0.

Dopo il controllo Button, in questo articolo viene illustrato l’utilizzo del controllo checkbox, un controllo che permette di selezionare uno o più dati da una determinata lista.

Gli stati che si possono avere con questo controllo, sono checked ed unchecked, mentre l’evento click viene generato quando si fa click su tale controllo, sia in fatto di spuntare che non.

Il controllo

Si crea un nuovo progetto silverlight applicazione, e dalla finestra che viene aperta, lasciamo l’opzione che ci viene indicata, ossia “aggiungi un nuovo progetto web Asp.net alla soluzione per ospitare Silverlight” e nel menu di scelta rapida, riportata nella parte inferiore lasciamo i valori di default, ossia “Progetto applicazione web Asp.Net”

Dalla barra degli strumenti, trasciniamo il controllo checkbox, ne inseriamo ben tre, va ricordato, che prima di tali controlli è stato aggiunto il controllo StackPanel che ne abbiamo già discusso in un precedente articolo, con questo controllo possiamo applicare più controlli in maniera ordinata.

Dopo aver aggiunto i tre checkbox, aggiungiamo un controllo button, il tutto dev’essere simile alla figura 1.

CheckBoxSLFigura1.png

Figura 1

Qui di seguito, si riporta il codice xaml di tali controlli.

<StackPanel>
            <CheckBox Content="Mela"  IsChecked="true" IsThreeState="True"
Checked="Controllo_Checked"
Unchecked="Controllo_Unchecked"
x:Name="Mela" >CheckBox>
 <CheckBox Content="Pera" x:Name="Pera" Checked="Controllo_Checked"  Unchecked="Controllo_Unchecked">CheckBox>
            <CheckBox Content="Banana" x:Name="Banana" Checked="Controllo_Checked" Unchecked="Controllo_Unchecked">CheckBox>
            <Button   x:Name="Verifica" Content="Verifica" Click="Button_Click"  Width="100" Height="50">Button>
        StackPanel>

Vediamo in dettaglio il codice per il checkbox.

Come per il controllo button, per impostare il testo, si utilizza la proprietà content, mentre la proprietà ischecked che accetta due valori (true e false) permette di impostare il controllo con la spunta se viene impostato con il valore a true.

La proprietà isThreestate, permette di avere il controllo in tre stati, con la possibilità di visualizzare il simbolo -.

L’evento checked ed unChecked, simile per i tre controlli checketed, viene scatenato quando al controllo viene applicata la spunta (checked) e unchecked quando gli si toglie la spunta.

Dopo aver digitato checked, scriviamo Controllo_Checked e digitiamo il pulsante tab della tastiera in modo che viene generato tale evento.

Mentre per l’evento Uncked, digitiamo il testo Controllo_Uncked.

Ora passiamo all’evento click del pulsante, in questo caso, viene visualizzata un messaggio a video per indicare quali sono i controlli con la spunta e quali no.

Qui di seguito si riporta il codice .Net

Codice VB.Net

'in base al tipo di check cambio il colore del pulsante
        Dim oggettoCheck As CheckBox = CType(sender, CheckBox)
        'oggetto sfondo
        Dim sfondo As New Windows.Media.SolidColorBrush
        'verifico che il pulsante sia attivo, in fase di avvio dell'applicativo
        If Verifica Is Nothing Then Exit Sub
        'verifico quale controllo è stato spuntato ed imposto lo sfondo
        If oggettoCheck.Name = "Mela" Then
            sfondo.Color = Windows.Media.Colors.Red
            Verifica.Background = sfondo
        ElseIf oggettoCheck.Name = "Pera" Then
            sfondo.Color = Windows.Media.Colors.Green
            Verifica.Background = sfondo
        Else
            sfondo.Color = Windows.Media.Colors.Yellow
            Verifica.Background = sfondo
        End If

Codice C#

//verifico che il pulsante sia attivo, in fase di avvio dell'applicativo
            if (Verifica == null) return;            //in base al tipo di check cambio il colore del pulsante
            CheckBox oggettoCheck = (CheckBox)sender;
            //oggetto sfondo
            SolidColorBrush sfondo = new SolidColorBrush();
            //verifico quale controllo è stato spuntato ed imposto lo sfondo
            switch (oggettoCheck.Name)
            {
                case "Mela":
                    sfondo.Color = Colors.Red;
                    Verifica.Background = sfondo;
                    break;
                case "Pera":

Mentre per l’evento unCkecked, viene riportato il colore dello sfondo del pulsante, al colore iniziale ossia griglio. Anche in questo caso, una volta ottenuto l’oggetto a cui si è verificato l’evento uncketd, impostiamo la proprietà background, con il colore griglio.

Qui di seguito si riporta il codice .Net

Codice VB.Net

Dim oggettoCheck As CheckBox = CType(sender, CheckBox)
        'oggetto per il colore di sfondo
        Dim sfondo As New Windows.Media.SolidColorBrush
        'verifico che il pulsante sia attivo, in fase di avvio dell'applicativo
        If Verifica Is Nothing Then Exit Sub
        sfondo.Color = Windows.Media.Colors.Gray   ' colore
        Verifica.Background = sfondo

Codice C#

CheckBox oggettoCheck   = (CheckBox)sender;
        //oggetto per il colore di sfondo
        SolidColorBrush  sfondo = new SolidColorBrush();
        //verifico che il pulsante sia attivo, in fase di avvio dell'applicativo
            if(Verifica == null) return; 
         
        sfondo.Color =  Colors.Gray;   //colore
        Verifica.Background = sfondo;

Conclusioni


Si è visto come utilizzare il controllo Checkbox, come impostare le proprietà ed utilizzare gli eventi ckecked ed unchecked, che si scatenano quando viene applicata la spunta oppure no. Inoltre si sono visti le classi per la gestione dei colori. Le proprietà ed eventi messi a disposizione dal controllo Checkbox, sono molte permettendo un valido utilizzo di questo controllo.

Tramite la parola Download potete scaricare il file contenente il codice VB.Net e C#, utilizzato in questo articolo.

Download

mercoledì 2 dicembre 2009

materiale formativo su XNA

Per coloro che sono interessati alla programmazione di video giochi, tramite XNA, qui
https://www.facultyresourcecenter.com/curriculum/pfv.aspx?ID=8168 e qui https://www.facultyresourcecenter.com/curriculum/resourcekits/gaming.aspx trovano diverso materiale formativo gratuito per programmare video giochi per Xbox e PC tramite XNA. Che dirvi... buona programmazione

lunedì 30 novembre 2009

Silverlight 4 Training Course

In questo sito http://channel9.msdn.com/learn/courses/Silverlight4/ si trovano una serie di video formativi, in lingua inglese sulla versione 4 di Silverlight.
Un buon punto di partenza per iniziare ad utilizzare questo nuovo modo di fare siti web.

giovedì 26 novembre 2009

tutorial silverlight il controllo textblock tramite VB.Net e C#

Si riporta l'articolo scritto per il sito http://www.iprogrammatori.it/articoli/programmazione/art_i-controlli-di-silverlight-20--textblock_761.aspx
Introduzione


Il controllo TextBlock permette di visualizzare del testo, rappresenta un etichetta, per chi utilizza la tecnologia Asp.net, può essere utilizzato come la label in Asp.Net.
Molto utile nel caso che dobbiamo creare un'interfaccia di tipo scheda, ma il suo utilizzo varia in diversi architetture.
Il codice xamlDopo aver trascinato dalla barra degli strumenti il controllo TextBlock ed impostato alcune proprietà, viene visualizzata a video del testo, che al passaggio del mouse, viene cambiatoo l'aspetto del puntatore del mouse.
Qui di seguito riportiamo un semplice codice XAML, di utilizzo di questo controllo.

FontSize="16"

Cursor="Hand"

MouseLeftButtonDown="TextBlock_MouseLeftButtonDown"
Height="50" TextDecorations="Underline" >



Ma vediamo in dettaglio il codice xaml.

La proprietà text, permette di impostare il testo, mentre la proprietà TextAligment, allinea il testo, nel nostro esempio al centro.La proprietà FontSize, imposta le dimensione di testo, impostando la proprietà Cursor con il valore hand visualizza il puntatore del mouse a forma di mano quando ci si avvicina alla scritta, simile ad un collegamento internet.

La proprietà height visto anche negli esempi precedenti, imposta la dimensione del controllo, mentre la proprietà textdecorations impostata con il valore underline rende la scritta sottolineata.Infine l’evento MouseLeftButtonDown, si verifica nel momento in cui viene fatto click con il mouse sinistro del mouse.


Stesura del codice .Net


Per l’evento MouseLeftButtonDown, viene eseguito del codice .Net, l’esempio è molto banale, visualizza a video un semplice messaggio.

Codice VB.Net


Private Sub TextBlock_MouseLeftButtonDown(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.Windows.Input.MouseButtonEventArgs)

MessageBox.Show("Click sulla scritta")

End Sub

Codice C#


private void TextBlock_MouseLeftButtonDown(object sender, MouseButtonEventArgs e){

MessageBox.Show("Click sulla scritta");

}

Conclusioni:

Un semplice articolo che ho voluto fornire le basi del controllo textblock, un controllo che permette di visualizzare del testo.
Tramite la parola Donwload potete scaricare l’esempio utilizzato in questo articolo, per entrambi i linguaggi di programmazione.
Download

martedì 24 novembre 2009

Recensione libro: Sql Server 2008 Guida all'uso

Scheda del libro:

Autore:
Mario De Ghetto
Prezzo: € 35,00
Caratteristiche:
352 pagine 17x24 bn
ISBN:
9788882338008
anno di edizione: 09/2009
numero dell'edizione: 1
Argomento: Informatica.
Lingua: Italiano
Editore: Digital LifeStylePro

Nel mese di settembre la casa editrice FAG http://www.fag.it ha pubblicato un libro introduttivo sul database Sql Server 2008. Il libro Sql Server 2008 guida all’uso http://www.fag.it/scheda.aspx?ID=31008 , è un libro, che illustra in maniera semplice e chiara l’utilizzo di questo database, fornendo al lettore che si avvicina a questo database le conoscenze adeguate per utilizzarlo nel modo migliore.

Il libro è composto da ben 10 capitoli, nel libro non è presente nessun cd-rom o dvd, gli esempi del libro si possono scaricare dal seguente sito http://www.deghetto.it/blog/download/LibroSS2008/SS2008_EsempiVB.zip

L’autore di questo buon manuale di base, è scritto da Mario De Ghetto, il quale ha scritto numerosi articoli, trucchi e ben due libri. Mario De Ghetto è un MVP su Visual Basic.Net riconoscimento che assegna Microsoft alle persone che si sono distinte per impegno e professionalità nelle community, il suo blog tecnico personale è consultabile al seguente sito qui http://deghetto.wordpress.com e qui http://community.dotnetwork.it/mario.deghetto/Default.aspx in cui si trovano diversi frammenti di codice ed altro materiale su .Net.

Ma vediamo in dettaglio i vari capitoli.

Nel primo capitolo, vengono forniti al lettore indicazioni su risorse e siti di grande interesse su questo database., Nelle prime pagine, troviamo l’elenco di alcune risorse ad importanti siti, dove trovare del materiale e software da utilizzare per muoversi in maniera autonoma. Continuando a leggere il capitolo sono forniti indicazioni sui requisiti hardware delle varie versioni di questo database ed altre informazioni utili. Nella parte conclusiva del capitolo, sono forniti indicazioni sull’installazione delle varie versioni ed i vari strumenti messi da utilizzare in questo database.

Con il secondo capitolo si affronta un tema molto importante che ogni utilizzatore (sviluppatore o dba) deve conoscere prima di utilizzare questo database. Nel capitolo, sono forniti indicazioni interessanti riguardante l’architettura del database, i vari strumenti messi a disposizione ed il funzionamento principale. Nel capitolo si trovano diverse illustrazione, che aiutano al lettore a comprendere l’architettura ed il relativo funzionamento.

Nel terzo capitolo, sono forniti in maniera molto basilare le novità della versione di Sql server 2008, il capitolo fornisce indicazioni su quelle funzionalità aggiunte o ampliate, un capitolo molto ricco anche di immagini.

Il quarto capitolo si passa a Sql Server management Studio, lo strumento visivo di Sql Server per gestire il database. Nelle prime pagine viene fatta una breve introduzione di questo strumento, per poi proseguire con le varie funzionalità che si possono utilizzare, come la creazione di un database di tipo sql server compact, collegarsi ad un database esistente, la barra dei menu di sql server, la barra degli strumenti standard e la finestra di esplora oggetti. Finita la parte introduttiva al database, si passa alla parte pratica, nel capitolo sono illustrate le operazioni primarie di quando si inizia ad utilizzare questo database. Vedremo come creare un nuovo database, argomento, illustrato in maniera esauriente fornendo al lettore le giuste conoscenze per comprendere questa fase. Continuando a leggere il capitolo, vedremo anche il collegamento ad un database, la creazione e modifica di una tabella e la generazione di script sql. Il capitolo fornisce al lettore adeguate conoscenze sulla creazione di un database, molto utile per coloro che non hanno dimestichezza o non conosco questo database.

Sempre un argomento inerente le tabelle, nel quinto capitolo sono illustrati i tipi di dati. Il capitolo affronta in maniera chiara e comprensibile l’argomento, illustrando tutti i tipi di dati messi a disposizione dal database. Un capitolo che darà modo al lettore di comprendere la progettazione di una tabella.

Con il capitolo sesto si passa ad un argomento molto importante per la gestione dei database. Le relazioni ed indici, è un tema importantissimo per la creazione di una buona base dati, il capitolo vuole fornire al lettore le conoscenze adeguate per comprendere questo tema. Nelle prime due pagine, sono forniti alcune importanti regole da tenere presente durante la creazione di una relazione. Continuando a leggere il capitolo, si passa al significato ed utilizzo della chiave primaria fornendo una valida spiegazione per poi passare ad un esempio pratico. Gli indici e le chiavi sono gli argomenti che vengono trattati in maniera esauriente e con una serie di immagini nelle pagine successive. Terminata la parte delle chiavi ed indici si passa alle relazioni, fornendo al lettore degli ottimi esempi e spiegazione sulle varie relazioni che si possono verificare durante la creazione di un database.

Il capitolo 7 illustra un argomento molto interessante ed importante, le viste e query. Dopo una breve introduzione alle viste, l’autore illustra come utilizzare gli strumenti messi a disposizione da Sql Server 2008 per la creazione di una vista. La parte conclusiva delle viste, riguarda invece le viste di sistema, fornendo elementi di basi su quelle più comuni. Terminata la parte delle viste si passa alle query, parte conclusiva e breve di questo capitolo. Si fa un accenno degli strumenti che possiamo utilizzare per la gestione delle prestazioni di una query.

Il capitolo ottavo è un argomento molto importante per coloro che si trovano in situazioni di utilizzare questo database in maniera molto più professionale, in questo capitolo il lettore comprenderà il linguaggio T-Sql. Dopo una breve introduzione al linguaggio T-SQL si passa agli elementi base, come i commenti, gli identificatori, valore nullo, gli operatori (and, or, not) le funzioni, la creazione, collegamento, modifica e cancellazione di un database, creazione, modifica e cancellazione di tabelle, viste indici, account e utenti. La parte conclusiva del capitolo è rivolta alla gestione dei permessi .

Il linguaggio T-Sql, viene illustrato anche nel capitolo 9. In questo capitolo sono illustrati altre situazioni di utilizzo, come la selezione dei dati tramite l’istruzione SQL, la clausola Order by, Where, TOP, Like, All, Distinct, union, compute, oltre alle varie relazioni che si possono realizzare come le inner join, left outer join, right outer join e Foul Outer Join. Continuando a leggere questo lungo capitolo, si passa alle clausole Except e intersect, per poi proseguire con le istruzioni Select Into, Insert, update e delete.

Il decimo e penultimo capitolo, riguarda le Stored Procedure. Il capitolo fornisce al lettore le basi per comprendere ed utilizzare una parte molto importante di un database. Dopo una breve introduzione alle Stored Procedure, si passa alla creazione di variabili locali, alla dichiarazione print, l’utilizzo della condizione If, la dichiarazione while, return, goto. Continuando a leggere il capitolo, si passa all’utilizzo degli strumenti messi a disposizione dal Database Sql Server 2008, per la creazione, modifica ed esecuzione delle stored procedure, le stored procedure di sistema ed un accenno breve all’utilizzo delle stored procedure tramite codice .Net. Anche in questo capitolo troviamo numerosi esempi di codice, per ogni argomento trattato.

L’ultimo capitolo (11) si passa all’utilizzo del database Sql Server 2008 tramite il linguaggio di programmazione Visual Basic. Dopo una breve introduzione al linguaggio Visual Basic 2008, viene illustrato come utilizzare l’ambiente di sviluppo Visual Studio 2008, per la gestione di una fonte dati, come Sql Server 2008, il tutto tramite i wizard messi a disposizione. Il capitolo contiene numerosi immagini, in modo che il lettore che ha poca dimestichezza comprenda i vari passi. Al termine si vedrà come creare una semplice maschera di gestione dati, tramite i wizard ed i controlli messi a disposizione da Visual Studio. Proseguendo a leggere il capitolo, l’autore illustra brevemente l’utilizzo di alcune classi messi a disposizione da Ado.Net per la gestione dei dati, illustrando al lettore come leggere, inserire e modificare i dati, il tutto tramite le classi di ado.net e istruzioni sql.

Di seguito si riportano i vari capitoli che compongono questo libro

1) Primo Contatto

2) Architettura di Sql Server 2008

3) Le novità

4) Sql Server management Studio

5) Tipi di dati

6) Indici e relazioni

7) Viste e query

8) Linguaggio T-Sql: DDL e DCL

9) Linguaggio T-Sql: DML

10) Stored Procedure

11) Sql Server e Visual Basic

Conclusioni:

Un ottimo libro di base, per coloro che si avvicinano ai database ed in particolare al database Sql Server 2008. Il libro fornisce in maniera esauriente e comprensibile l’utilizzo di questo database e le varie funzionalità messe a disposizione. Un libro con molte immagini e ricco di esempi di codice. Gli argomenti sono trattati in maniera comprensibile. Consigliato a coloro che si stanno avvicinando a questo database o utilizzano altri database.

tutorial il controllo stackpanel in silverlight tramite VB.Net e C#

Si riporta l'articolo scritto per il sito http://www.iprogrammatori.it/articoli/programmazione/art_i-controlli-di-silverlight-20--il-contro_763.aspx

Introduzione
Il controllo StackPanel, permette di avere un pannello, in modo da utilizzare più controlli in maniera ordinata.

Tale controllo, può tornare utile in diversi situazione, nell’articolo vedremo alcune proprietà ed il suo utilizzo.

Il codice XAML
Dalla barra degli strumenti, trasciniamo nella parte di codice XAML, il controllo StackPanel. A seguire impostiamo alcune proprietà (come riportato nel codice seguente) ed aggiungiamo un controllo di tipo button.

Il tutto dev’essere come riportato nel codice seguente.

<StackPanel Background="Azure" x:Name="StPPannello" Height="150"  
KeyDown="StackPanel_KeyDown"  Width="200" >
<Button x:Name="btnAzione"   Content="Azione"  >Button>
StackPanel>


Vediamo in dettaglio le varie proprietà del controllo stackpanel, la proprietà background imposta il colore di sfondo del controllo, x:name imposta un nome univoco al controllo, in modo che si possa identificare. Le proprietà Height e Width, permettono di impostare le dimensioni del controllo.

Mentre l’evento KeyDown, viene scatenato nel momento in cui viene digitato un tasto della tastiera.

Tra i tag da notare il controllo di tipo button.

Stesura del codice.
In questa parte vediamo il codice per il linguaggio Visual C# e Visual Basic relativo all’evento KeyDown del controllo StackPanel.

Dopo aver generato nel file xaml il gestore dell’evento keydown, posizioniamoci sopra con il mouse e dal menu di scelta rapida (tasto del mouse) selezioniamo la voce “Passa al gestore eventi” in questo modo si passa alla visualizzazione del codice.

Qui di seguito si riporta il codice .Net per entrambi i linguaggi.


Codice VB.Net

Private Sub StackPanel_KeyDown(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.Windows.Input.KeyEventArgs)
        If e.Key = Key.F1 Then
            Dim btnPulsante As New Button
            btnPulsante.Content = "Test"
            btnPulsante.Name = "test" & StPPannello.Children.Count
            AddHandler btnPulsante.Click, AddressOf btnPulsante_click
            StPPannello.Children.Add(btnPulsante)
        End If
    End Sub

Codice C#

private void StackPanel_KeyDown(object sender, KeyEventArgs e)
{
            if (e.Key == Key.F1)
            {
                Button btnPulsante = new Button();
                btnPulsante.Content = "Test";
                btnPulsante.Name = "test" + StPPannello.Children.Count;
                btnPulsante.Click += new RoutedEventHandler(btnPulsante_Click);
                StPPannello.Children.Add(btnPulsante);
            }
}

Ma vediamo nel dettaglio il codice.

La condizione "IF" verifica se il tasto digitato è F1, in tal caso crea un oggetto di tipo pulsante, imposta la proprietà name e content e gli attribuisce un gestore di evento all’evento click del pulsante.

Tramite il metodo add della proprietà children, viene aggiunto al controllo stackpanel l’oggetto pulsante.

Il gestore dell’evento click del pulsante
Di seguito si riporta il codice per la gestione dell’evento click del pulsante creato in precedenza a run time.

Il codice .net, crea un oggetto di tipo pulsante, impostandolo con l’oggetto sender, il cast che viene fatto (per vb.net tramite la parola chiave trycast, mentre per C# tramite la parola chiave AS) restituisce l’oggetto sender di tipo button, nel caso che si scatena un eccezione, verrà restituito null. Una volta ottenuto l’oggetto viene visualizzato a video il nome del controllo pulsante su cui si è fatto click.

Si riporta il codice per il linguaggio VB.Net e C#.

Codice VB.Net

Private Sub btnPulsante_click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.Windows.RoutedEventArgs)
        Dim pulsante As Button = TryCast(sender, Button)
        If pulsante Is Nothing Then Exit Sub
        MessageBox.Show(pulsante.Name)
    End Sub

Codice C#

void btnPulsante_Click(object sender, RoutedEventArgs e)
        {
            Button pulsante = sender as Button;
            if (pulsante == null) return;
            MessageBox.Show(pulsante.Name);
        }

Conclusioni.
Le funzionalità messe a disposizione da questo controllo sono molteplici permettendo al programmatore di variare e di utilizzarlo con una vasta flessibilità. Nell’articolo è stata illustrata un basilare utilizzo di questo controllo non solo a livello di design ma anche tramite codice .Net

Tramite la parola download potete scaricare il file utilizzato in questo articolo.

Download

domenica 22 novembre 2009

Download ebook Microsoft Application Architecture Guide, 2nd Edition

Interessante il libro gratuito Microsoft Application Architecture Guide, 2nd Edition scaricabile dal seguente sito http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=en&FamilyID=ce40e4e1-9838-4c89-a197-a373b2a60df2 una guida che permette di comprendere ed acquisire i concetti per scrivere software di qualità.L'ebook, in formato pdf di circa 560 pagine in lingua inglese, permette agli sviluppatori di acquisire quelle conoscenza riguardante l'archittetura software di una certa qualità, scrivere applicazioni con una certa professionalità e con migliori prestazioni. Per il download e magggiori informazioni visitate il sito indicato.

giovedì 19 novembre 2009

Download Microsoft Office Web Apps (Beta)

Dal seguente sito http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=27d81b1c-18ae-4983-8e1c-224bb747eb99&displaylang=en potete scaricare la versione beta di Microsoft Office Web Apps.
Verificate di avere i requisiti hardware.

Download Microsoft Project Professional 2010 Beta

Continuano le novità per il mondo office 2010, dal seguente sito http://technet.microsoft.com/it-it/evalcenter/ee404758.aspx potete scaricare la versione beta di Microsoft Project Professional 2010

mercoledì 18 novembre 2009

Download Silverlight 4 beta

Novità per lo sviluppo web tramite Silverlight.
Come riportato dal seguente sito http://silverlight.net/getstarted/silverlight-4-beta/ si può scaricare la versione beta della versione 4 di Silverlight.
Nella pagina trovate le indicazioni ed i vari link dove scaricare il materiale.
Che dirvi... buono studio :- DDD

Download Sharepoint 2010 beta

Da oggi è possibile scaricare la versione beta di Sharepoint 2010, come riportato qui http://sharepoint.microsoft.com/Pages/Default.aspx
Per il download vedere la seguente pagina http://technet.microsoft.com/it-it/evalcenter/ee388573.aspx vi ricordo che dal seguente sito http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ee554869(office.14).aspx trovate la guida per configurare il pc per lo sviluppo con questa nuova versione.
Che dirvi... buon download.

Download office 2010 beta

Da oggi è possibile scaricare gratuitamente la versione beta di Microsoft Office 2010.
Dal seguente sito http://www.microsoft.com/office/2010/en/default.aspx nella parte sinistra trovate le varie versioni che si possono scaricare.
La versione professional è scaricabile da qui http://www.microsoft.com/office/2010/en/professional-edition/default.aspx mentre la professional plus da qui http://www.microsoft.com/office/2010/en/professional-plus-edition/default.aspx e la home and business da qui http://www.microsoft.com/office/2010/en/home-business-edition/default.aspx.
Che dirvi... buon download :-DD

download Microsoft Visio Premium 2010 Beta

Dal seguente sito http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=c2163171-4172-4d0a-9f14-2e6da16c027f&displaylang=en potete scaricare la versione beta di Microsoft Visio Premium 2010.

Download ASP.NET MVC 2 Beta

Novità per MVC, rilascita la beta per la versione 2.
Qui http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=en&FamilyID=4817cdb2-88ea-4af4-a455-f06b4c90fd2c per maggiori informazioni e download.

WCF the certificate 'cn=nomecertificato' must have a private key that is capable of key exchange.

Nello sviluppo di WCF, applicando la sicurezza tramite certificati, se vi capita il seguente messaggio.

WCF the certificate 'cn=nomecertificato' must have a private key that is capable of key exchange.

Il rimedio può essere l'utilizzo del seguente comando, che permette di assegnare all'account che sta utilizzando il WCF (per esempio applicazione web, e quindi ASPNET) i privileggi sul certificato.
Qui di seguito si riporta il comando.

winhttpcertcfg -g -c LOCAL_MACHINE\MY -s nomecertificato -a "NETWORK SERVICE"

Il tools, si può scaricare dal seguente pacchetto Windows Server 2003 Resource Kit Tools http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?familyid=9d467a69-57ff-4ae7-96ee-b18c4790cffd&displaylang=en
Mentre qui http://msdn.microsoft.com/en-us/library/aa384088(VS.85).aspx trovate una guida sull'utilizzo di tale componente

domenica 15 novembre 2009

Tutorial utilizzare il controllo Hyperlinkbutton in Silverlight tramite VB.Net e C#

Introduzione


Nel caso che si voglia utilizzare un controllo di tipo pulsante iperlink, ossia a collegamento ipertestuale il controllo HyperlinkButton è quello più indicato.
Il controllo permette di visualizzare del testo o un immagine di tipo collegamento ipertestuale, in questo modo ,quando viene fatto click su tale controllo verrà aperto un sito web.
Ma vediamo più nel dettaglio questo controllo.


Creazione del progetto.


Dopo aver creato un progetto di tipo Silverlight, trascinare dalla barra degli strumenti il controllo
Hyperlinkbutton, ne utilizzeremo altri tre, in modo da fare alcune prove.
Di seguito si riportano i codice xaml.



Il primo controllo, permette la navigazione del sito tramite una nuova finestra o scheda.
Con la proprietà NavigateUri, impostiamo il collegamento ipertestuale, va ricordato che deve iniziare con http://, mentre la proprietà targetname, permette di impostare il tipo di apertura del sito, in questo caso (_blank) apre il sito in una nuova finestra. Come per il codice html, anche qui possiamo indicare altri valori, come _self, _top, _parent.
Nel secondo esempio invece, viene aperto nel client di posta elettronica predefinito, un nuovo messaggio in modo che possiamo inviare l’email.
Nel terzo caso, invece viene utilizzato l’evento click sul controllo, in modo da cambiare dinamicamente il percorso del sito web.
Infine nell’ultimo esempio, tramite il tag impostiamo un immagine al controllo in modo da visualizzare un immagine al posto del testo.

Stesura codice .Net


In questa parte, vedremo, come cambiare dinamicamente il collegamento ipertestuale da codice e come rilevare il percorso assoluto e uri assoluto.
Nell’evento click del pulsante, scriviamo il codice che ci permette di visualizzare tutto il percorso del sito, il percorso assoluto e cambiare il collegamento ipertestuale.
Per rilevare tutto il percorso del collegamento ipertestuale, dobbiamo utilizzare la proprietà AbsoluteUri, mentre il percorso assoluto, ossia solo la parte che va dopo il dominio (es www.nomesito.it/sottosito ossia dopo il punto .it, nel nostro esempio sarà sottosito), tramite la proprietà absolutepath. Mentre per cambiare il collegamento del sito, utilizzare la parola chiave new Uri per la proprietà navigate Uri.
Riportiamo qui di seguito l’esempio di codice per il linguaggio Visual Basic Net e C#.


VB.Net


Private Sub HyperlinkButton_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.Windows.RoutedEventArgs) Dim collegamento As HyperlinkButton = CType(sender, HyperlinkButton) MessageBox.Show(collegamento.NavigateUri.AbsoluteUri) MessageBox.Show(collegamento.NavigateUri.AbsolutePath) 'cambio il link collegamento.NavigateUri = New Uri("http://emanuelemattei.blogspot.com/") MessageBox.Show(collegamento.NavigateUri.AbsoluteUri) End Sub

C#


private void HyperlinkButton_Click(object sender, RoutedEventArgs e) { HyperlinkButton collegamento = (HyperlinkButton)sender; MessageBox.Show(collegamento.NavigateUri.AbsoluteUri); MessageBox.Show(collegamento.NavigateUri.AbsolutePath); //cambio il link collegamento.NavigateUri = new Uri("http://emanuelemattei.blogspot.com/"); MessageBox.Show(collegamento.NavigateUri.AbsoluteUri); }

Conclusioni

In questo articolo si è visto come utilizzare un controllo per la gestione dei collegamenti ipertestuali, come link e posta elettronica. Inoltre come tramite codice net possiamo impostare il collegamento ipertestuale. Ma l’utilizzo di questo controllo può andare oltre a questo semplice esempio e scrivere applicazioni con una certa complessità e funzionalità.
Tramite la parola download si può scaricare il progetto utilizzato nell’articolo.

Download

mercoledì 11 novembre 2009

vivo 2 usb software gratuito per far parlare il pc

Rilasciato da pochi giorni la nuova versione di Vivo2 usb, un programma gratuito e portatile per far parlare il pc.
Il programma unico del suo genere per il fatto di essere gratuito e portatile, permette di aiutare quelle persone che hanno problemi di vista, agevolando l'utilizzo del pc.
Il programma è gratuito, semplificando a coloro che hanno difficoltà di comprendere i testi e le pagine web che sono presenti in quel momento sul video, il programma opera di italiani, e segnalato nei siti web e televisione, ed ha riscontrato pareri favorevolil proprio per il suo impiego e per la mancanza di costi, infatti è gratuito
Questo lavoro è stato fatto da alcune persone, che dedicano il loro tempo libero ad aiutare le persone bisognose, dote di grande umanità. Complimenti alle persone Antonio, Silvio e tutti coloro che collaborano a questo progetto.
Per il download e/o maggiori informazioni visitate il seguente sito http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1045&Itemid=33

martedì 10 novembre 2009

Controllo Bing maps per Silverlight

Interessante questo post http://blogs.msdn.com/veplatform/archive/2009/11/10/bing-maps-silverlight-control-available.aspx in cui viene segnalato la possibilità di scaricare gratuitamente un controllo Binq maps per la piattaforma Silverlight.
Qui http://www.microsoft.com/maps/isdk/silverlight/#MapControlInteractiveSdk.Tutorials.TutorialAerialWithLabelsMode trovate un esempio.

Esempi programmazione .Net su Windows 7

Dal seguente post http://blogs.msdn.com/brunoterkaly/archive/2009/11/10/windows-7-code-samples.aspx sono segnalati interessanti risorse per lo sviluppo .Net sul sistema operativo Windows 7.
Molto ma molto interessante.

domenica 8 novembre 2009

TUTTI INSIEME PER IL CAMPER PEDIATRICO

Vi segnalo questa ottima iniziativa per l'associazione onlus di happy family http://www.happyfamilyonlus.it/

IL GIORNO 22 NOVEMBRE 2009 ALLE ORE 15, 30 SI TERRA' LA PRESENTAZIONE DELL'EVENTO
" UN NATALE DI SOLIDARIETA'
PER I PICCOLI GUERRIERI " DIVERTIMENTO E MUSICA CON
FERNANDO ED IL SUO KARAOKE
PER TUTTI I BAMBINI ED I LORO GENITORI LA PRESENTAZIONE SI TERRA' PRESSO IL TEATRO DELLA PARROCCHIA SANTA BERNARDETTE
VIA E. FRANCESCHINI 40 COLLI ANIENE PER INFORMAZIONE
LAURA RICELLA lauraricella@live.it VI ASPETTIAMO NUMEROSI.
Mi raccomando partecipate.

Evento gratuito a Roma sulla tecnologia .Net, Community tour

Vi segnalo un nuovo evento gratuito su .Net a Roma. Il 17 dicembre 2009, si svolgerà il community tour http://www.dotnetromacesta.org/EventoCommunityTour.aspx una serie di eventi gratuiti in tutta Italia, sulla tecnologia .Net.

Per la tappa di Roma, sono previsti tre sessioni, riguardante lo sviluppo web tramite la tecnologia .Net, utilizzando gli strumenti più innovativi.

Per maggiori informazioni ed iscrizioni, visitate la seguente pagina http://www.dotnetromacesta.org/EventoCommunityTour.aspx

Consiglio la partecipazione non solo per i contenuti ma anche per coloro che sono interessati a conoscere la community romana e perchè no, me :- )))).

Vi aspetto numerosi.

Al 17 dicembre 2009

sabato 7 novembre 2009

Tutorial I controlli di Silverlight 2 Il controllo Image

Si riporta l'articolo pubblicato per il sito iprogrammatori http://www.iprogrammatori.it/articoli/programmazione/art_i-controlli-di-silverlight-2---il-contro_753.aspx


Introduzione

Oggi vedremo il controllo per la gestione delle immagini o meglio per la visualizzazione delle immagini. Il controllo image, permette di visualizzare un immagine nel nostro progetto silverlight.
Creazione del progetto

Dopo aver creato un nuovo progetto Silverlight, trasciniamo dalla barra degli strumenti, il controllo image, nella parte di visualizzazione codice XAML.
A questo punto, aggiungiamo al nostro progetto (tasto destro del mouse sul nome del progetto o soluzione, e selezioniamo la voce aggiungi elemento esistente, cercando l’immagine di nostro interesse) un immagine da utilizzare nel controllo image.
Di seguito riportiamo il codice xaml
Impostando la proprietà Stretch a none, l’immagine viene visualizzata in base alle dimensioni effettive del file, mentre impostando il valore fill, l’immagine viene visualizzata con le dimensioni in base all’area del controllo image.



La proprietà Source, riguarda il percorso in cui si trova il file immagine da visualizzare.
Si fa presente, nella riga di codice precedente, che il file immagine (CF.jpg) si deve trovare nella stessa cartella in cui si trova il file xap,ossia nella cartella clientbin.
Caricamento dinamicoOra vediamo come caricare dinamicamente un immagine da codice, direttamente nel controllo image.
Supponendo che l’immagine jpg si trovi nella stessa cartella del file xap, ossia in clientbin (creata di default dall’ambiente visual studio) tramite le classi uri e bitmapimmage, impostiamo la proprietà source di tale controllo.
Qui di seguito si riporta il codice .net


VB.Net

'oggetto che rileva l'immagine

Dim linkImmage As New Uri("CF.jpg", UriKind.Relative)

'imposto la proprietà source, con un oggetto di tipo immagine che fa riferimento all'immagine img

Immagine.Source = New Media.Imaging.BitmapImage(linkImmage)

C#

//oggetto che rileva l'immagine

Uri linkImmage = new Uri("CF.jpg", UriKind.Relative);

//imposto la proprietà source, con un oggetto di tipo immagine che fa riferimento all'immagine img

Immagine.Source = new System.Windows.Media.Imaging.BitmapImage(linkImmage);


La Classe uri, accetta nel suo costruttore vari argomenti, nel nostro caso il nome del file, e il tipo di url, nel nostro caso relativo, ma ci sono altre opzioni come assoluto o indefinito.
Una volta ottenuto tale oggetto, si imposta la proprietà source, con un nuovo oggetto di tipo BitMapImage, nel cui costruttore accetta un oggetto di tipo uri, creato precedentente.

Conclusioni:

Tramite la parola download potete scaricare il progetto utilizzato nell’articolo, per entrambi i linguaggi di programmazione. Il controllo image è molto semplice da utilizzare.
Download

Servizi gratuiti per le scuole

Il sito iprogrammatori propone un nuovo servizio gratuito per le scuole. Per le scuole pubbliche e private, che sono interessati a segnalare i propri corsi (gratuiti o pagamento) possono usufruire del servizio corsi formazioni, che si accede da questa pagina http://www.iprogrammatori.it/corsi/protectedScuola/ per accedere al servizio bisogna registrarsi gratuitamente al seguente sito http://www.iprogrammatori.it/corsi/registrazioneCentriformazione.aspx .

lunedì 2 novembre 2009

Un portale per lo scambio di video giochi

Il portale, http://www.goozex.eu/trading/asp/homepage.asp permette ad ogni utente di scambiare online i propri videogiochi usati, accumulando punti per acquistare a sua volta i videogiochi offerti dagli altri utenti, il tutto gestito in maniera automatica, tramite le code di domanda e offerta che si vengono a creare su ciascun titolo.
Questo modello ha già avuto un notevole successo negli Stati Uniti, dove goozex.com vanta più di 300.000 iscritti, decine di migliaia di transazioni al mese e diverse recensioni come miglior sito di scambio di videogiochi usati online, ricevute non solo dalla stampa specializzata ma anche da testate come il Washington Post e Forbes, e si è dimostrato competitivo nei confronti di altri concorrenti come Gamestop, rispetto al quale permette una valorizzazione decisamente maggiore del proprio usato, o come Ebay, rispetto al quale richiede un impegno dell'utente molto minore, in quanto non c'è un diretto e continuo coinvolgimento dell'utente nella gestione di aste online, ma tutto il processo transazionale è gestito automaticamente dal sistema.
Goozex.eu è ora attivo in tutti i paesi della comunità europea, dove vanta diverse migliaia di iscritti

sabato 31 ottobre 2009

Download E-book gratuito: Tabelle Pivot con Excel 2007 - l'analisi delle vendite

Per coloro che stanno cercando un ebook gratuito, riguardante Excel e le tabelle pivot, dal seguente sito http://www.b2corporate.com/articoli.php?action=anteprima&id=1625 possono scaricare il libro elettronico Tabelle pivot con Excel 2007.Il download è gratuito.

mercoledì 28 ottobre 2009

Tutorial Silverlight il controllo button

Si riporta l'articolo scritto per il sito http://www.iprogrammatori.it/articoli/programmazione/art_i-controlli-di-silverlight-2---il-contro_750.aspx



In questa serie di articoli, vedremo l’utilizzo dei controlli messi a disposizione da Silverlight 2.0. Al momento in cui scriviamo è disponibile la versione di Silverlight 3.0 con importanti novità, che verranno discusse più avanti.



Introduzione:



Il controllo preso in esame in questo articolo è il button, ossia il pulsante, vedremo alcune proprietà e metodi messi a disposizione da questo controllo, utilizzando il linguaggio di programmazione Visual Basic Net e C#.



Dopo aver creato un nuovo progetto, selezioniamo nella finestra che viene aperta, la categoria Silverlight e come modello applicazione.



Nella finestra successiva, selezioniamo progetto di test per pagine Asp.Net



La pagina iniziale, sarà quella in doppia visualizzazione codice xaml e anteprima, del file page.xaml, se così non fosse, posizionarsi su tale file.



Dalla barra degli strumenti, trasciniamo l’oggetto pulsante nella parte del codice xaml, come mostrato in figura 1.



ButtonSLFigura1.png



Figura 1



Prima del simbolo > impostiamo alcune proprietà, come le dimensioni, il testo, l’evento click ed altro ancora.



Nel momento in cui viene selezionata la voce click, che riguarda l’evento click del pulsante, ci viene chiesto se vogliamo creare un nuovo gestore di evento, tramite la dicitura riportata in figura 2 in questo modo associamo all’evento click, del codice vb.Net o C#.



ButtonSLFigura2.png



Figura 2



Qui di seguito riportiamo il codice .Net, generato per l’evento click.



VB.Net



Private Sub btnSalva_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.Windows.RoutedEventArgs)





End Sub



C#



private void btnSalva_Click(object sender, RoutedEventArgs e)



{





}



Il codice XAML per il controllo pulsante, dev’essere simile a quello riportato qui di seguito:



<Button Width="100" Height="100" x:Name="btnSalva" Content="Salva" Click="btnSalva_Click" ></Button>



Esaminiamo i vari parametri del pulsante.
Width = stabilisce la larghezza del controllo
Height = stabilisce l’altezza del controllo
X:name = imposta il nome del controllo (univoco)
Content = imposta il testo del controllo
Click= imposta la funzione .Net che viene scatenata all’evento click del pulsante.
Altre proprietà interessanti possono essere backgroup, che imposta il colore di sfondo, e click mode, il quale permette di impostare lo stile del pulsante al momento del click. Ma lasciamo al lettore il piacere di scoprire altre proprietà ed eventi.



Stesura codice .Net
Per l’evento click del pulsante, viene eseguito del codice .Net, sia per il linguaggio vb.net che per quello C#, il codice, dovrà cambiare il testo del pulsante.
Passiamo in visualizzazione codice .net, tramite la voce del menu di scelta rapida, selezioniamo la voce visualizza codice. E nell’evento click del pulsante, inseriamo il seguente codice .Net



VB.Net



Dim pulsante As Button = CType(sender, Button)





If pulsante.Content = "Salva" Then



pulsante.Content = "Annulla"



Else



pulsante.Content = "Salva"



End If



C#



Button pulsante = (Button)sender;



if (pulsante.Content.ToString()=="Salva")



{



pulsante.Content = "Annulla";



}



else



{



pulsante.Content = "Salva";



}



L’oggetto Sender, è il riferimento all’oggetto del pulsante, a cui stiamo invocando il metodo click, una volta, ottenuto tale oggetto, impostiamo la proprietà content, con del testo a nostro piacimento.



Conclusioni:
Abbiamo visto, come muovere i primi passi con Silverlight 2.0, in particolare nell’utilizzo del controllo pulsante. In allegato a tale articolo,potete scaricare il sorgente vb.net e C# utilizzato. L’articolo ha voluto fornire alcune indicazioni sul controllo button, il quale dispone di proprietà ed eventi, molti interessanti, lasciando alla fantasia del lettore di scoprire queste altre possibilità.



Download

domenica 25 ottobre 2009

download ebook F#

Per coloro che sono interessati ad un ebook sul linguaggio F# dal seguente sito http://www.academicclub.org/joomla/index.php/component/remository/Language-FSharp/ possono scarcare gratuitamente un ebook sulle basi di questo linguaggio.

sabato 24 ottobre 2009

Download Visual Studio 2010 beta 2

Dal seguente sito http://www.microsoft.com/visualstudio/it-it/default.mspx potete scaricare Visual Studio 2010 beta 2. Mentre qui http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?familyid=752CB725-969B-4732-A383-ED5740F02E93&displaylang=en il materiale formativo per questa versione.

venerdì 16 ottobre 2009

Il seguente frammento di codice in Sql Server 2005 e Sql Server 2008, permette la creazione di un login ed utente nel database.
CREATE LOGIN Emanuele
WITH PASSWORD = 'MiaPassowrd';
USE MioDatabase;
CREATE USER Emanuele;GO

domenica 11 ottobre 2009

Linq to sql esempio del case statements

Il seguente frammento di codice, illustra una tecnica di come utilizzare in Linq To Sql, lo statements Case utilizzato in sql server, il tutto tramite il linguaggio di programmazione C#.
var qSogConn = from Tab in context.MiaTabellaselect new
{
Tab .id,
Tab .nome,
Tab .Cognome,
abilitato = ( Tab.abilitato == true ? "Si" : "No")
};

domenica 4 ottobre 2009

Evento gratuito a Roma sulla tecnologia .Net 4.0, MVC e Sql Server 2008

LogoNet4



Ci siamo, il 21 ottobre la community http://www.dotnetromacesta.org/ debutterà nella grande arena :-) con il nostro primo evento gratuito.



Gladiatori fest consultabile al seguente sito http://www.dotnetromacesta.org/EventoGladiatori.aspx, è il primo evento gratuito dello User Group http://www.dotnetromacesta.org/ sulla tecnologia .Net, in questo evento, della durata di una giornata, si parlerà di Asp.Net MVC, delle novità di Asp.Net 4.0 e linguaggio VB 2010, utilizzo di Bing e del database Sql Server 2008.



A fine evento, verranno distribuiti alcune copie dei libri, e software, messi a disposizione dai sponsor.



Vorrei ringraziare la struttura Sap Italia, che ci ha permesso di svolgere presso di loro, questo evento formativo.



Un altro ringraziamento speciale, va alla mia amica Stefania, che ha creato il logo dell'evento.



Per iscrizioni o maggiori informazioni, visitate il seguente sit http://www.dotnetromacesta.org/EventoGladiatori.aspx .

Excel orario scolastico in VBA

Ottimo articolo che trovate qui http://www.dotnetromacesta.org/common/articoli/office/vba/Excel_orario_scolastico.aspx per la creazione di un orario scolastico.
Il tutto tramite Excel e VBA.

sabato 3 ottobre 2009

Centri di assistenza elenco per regione e città

Interessantissimo il seguente sito http://www.centri-assistenza.com/index.html nel quale si trovano centri di assistenza, per cellulari, eletrodomestici, pc, ed altro ancora, suddiviso per marca, regione e città.
Molto utile, nel quale trovare il centro di assistenza più vicino a casa.

giovedì 1 ottobre 2009

Applicazione web 2.0 gratuita per SharePoint e Feed in genere

L'amico Dario, mi segnala un suo interessante progetto web, per Sharepoint e Feed in generale.
Il programma scaricabile gratuitamente dal seguente sito http://www.rollgator.com/ è un aggregatore che proietta i Feed RSS a tutto schermo, con colori ottimizzati per i nuovi TV LCD
serve per creare un display pubblico, come quelli che vediamo negli aeroporti o nelle stazioni, che visualizza i feed RSS provenienti dal web o dai portali aziendali SharePoint
per utilizzarlo basta un pc anche vecchio e un qualsiasi tipo di monitor o televisore di recupero (meglio se grande).
Per maggiori informazioni o altro contattate Dario che è vi sarà fornire indicazioni sul progetto.
Bravo Dario, complimenti, molto ma molto carina.

mercoledì 30 settembre 2009

download ebook busta paga

Dal seguente sito http://www.microsoft.com/italy/pmi/lavoro/speciali/leggerebustapaga/default.mspx trovate la possibilità di scaricare un ebook, per comprendere la busta paga.
Molto utile, per chi vuole avere informazioni sul cedolino.

Download Microsoft Security Essentials

Da ieri, è disponibile un nuovo programma per la protezione del proprio PC. Microsoft Security Essentials scaricabile dal seguente sito http://www.microsoft.com/security_essentials/default.aspx?mkt=it-it costituitesce una serie di funzionalità per la sicurezza, come antivirus, anti spyware, ed altro ancora.Per maggiori informazioni e download visitate il precedente sito.

domenica 27 settembre 2009

ViVo Portable USB fa parlare il computer

Il caro amico Antonio, questa volta mi ha segnalato davvero uno dei massimi software che possono fare molto per la collettività.
Il software vivo Portable scaricabile dal seguente sito http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=988&Itemid=33 è molto utile per coloro che hanno problemi di vista, qui di seguito riporto la descrizione che Antonio mi ha segnalato.
...Una suite portable unica, al mondo, nel suo genere che rende parlante il computer. Pagine WEB, testo, documenti, posta elettronica, programmi, finestre, ecc.. vengono letti da qualsiasi computer in cui inseriamo la chiavetta. Non serve l'installazione e non sporca il registro. Questo e tanto altro con un click del mouse...
La scuola per il sociale. In sintonia con la nostra politica di diffusione del software libero, open source e free, abbiamo realizzato questa splendida suite gratuita, grazie al lodevole lavoro di Silvio (Ylvo COMPANY). Essa racchiude, in uno, numerose applicazioni indispensabili a quanti hanno problemi di vista (ipovedenti, non vedenti, dislessici, ecc.) o a quanti vogliono, per qualsiasi motivo, che il computer legga tutto quanto visualizzato sullo schermo. ViVo presenta numerose caratteristiche e funzionalità, indicate nel seguito, ma quella che lorende unico al mondo, oltre che avere tutto a portata di click, è la portabilità. Inserendo ViVo in una chiavetta USB possiamo averlo disponibile su qualsiasi computer. Pensate ad un ipovedente che sia fuori dalla propria abitazione: con ViVo avrà la possibilità di potere usare ilcomputer degli altri, ovunque (amici, vacanze, internet point, uffici pubblici, scuole, ecc..). ..
Aiutateci ad aiutarli. Spesso troviamo delle applicazioni, seppure settoriali, che si rivolgono alle persone che hanno problemi di vista o di lettura, ma sovente si tratta di software commerciale e molto caro. Noi crediamo che queste persone, che hanno già subito tanto, dalla vita, non debbano affrontare anche costose spese per potere utilizzazione il computer che è, ormai diventato, unbene di "prima necessità". Per questo motivo la suite ViVo, che riunisce molte applicazioni libere e/o free, è completamente gratuita. Vi preghiamo caldamente di aiutarci per aiutare chi ha bisogno di ViVo. L'aiuto che chiediamo non è economico ma di diffusione. Avretenotato che il nostro sito scolastico (Istituto Statale) è no-profit, privo di qualsiasi forma di pubblicità commerciale e non chiediamo mai, a nessuno, neppure un centesimo. Per questo vi chiediamo di diffondere la notizia dell'esistenza di ViVo senza remore e senza perplessità. Una scuola pubblica è garanzia diserietà. Aiutateci semplicemente parlandone con gli amici e conoscenti, inserendo articoli nel siti e nei blog, proponendo ViVo nei forum, nei social network, ecc.. Insomma, aiutateci con ogni mezzo a diffondere ViVo per aiutare quanti ne hanno bisogno. Questo l'aiuto che vi chiediamo e vi ringraziamo anticipatamente...

domenica 20 settembre 2009

FT: Di ritorno dall'evento Mvp Days/lead Community 2009

Venerdì e sabato si è svolto l'evento MVP Days/lead Community 2009, presso la sede italiana di Microsoft a Milano. Per me, la prima volta a cui partecipavo (e visto la serata com'è andata a finire penso l'ultima :-(((, ma quanto vino....:-DDD) è stata una bellissima esperienza, inoltre ho conosciuto di persona amici che solo tramite email o telefono, ci si conosceva e rivedere vecchi amici. Una giornata d'incontro, in cui ha visto molte persone, con la stessa passione, quella della condivisione delle proprie conoscenze, tutti, che ogni giorno, si impegnano, ad aiutare e trasmettere ad altre persone, consigli e soluzione per una passione che ci lega, quella dell'uso dei prodotti Microsoft (.Net, Windows, Sql Server, ecc).
Per me, aveva una grande significato, sia sotto l'aspetto umano che professionale, vedere per la prima volta la sede di Microsoft a Milano, alcuni amici Microsoftiani :-DD che conoscevo solo via email, ed incontrare amici di community, che prima di allora non avevo visto o che ci si rivede in poche occasioni.
Anche in questo caso, ho portato con me la mia fedelissima digitale, certo non era facile, tra una chiacchiera ed una slide, fare foto, ma qualcuna ne ho fatto, anche molto carine :-D. Ricordo, che la visione delle foto è solo per un pubblico adulto, visto i personaggi :-DDD a parte gli scherzi, per chi vuole vedere le foto le potete vedere qui http://blog.shareoffice.it/emanuele/gallery/200.aspx o su facebook.
Chi segue il mio blog, anzi come ricordava ieri l'amicone Luca :-)))) i tanti blog di lele, sa che ad ogni Fuori Tema, c'è una bella descrizione, buttata così giù a due mani ed un mouse, aspettando poi il commento dell'ex collega di Telecom ed amico Claudio :-D arrivi.
Ma vediamo com'è andata la giornata,
Ho pensato di arrivare presto, perchè volevo fare un pò di foto alla sede milanese, parto la sera, con un intercity notte, il trenino italiano, ora di partenza 23 06, ma appena arrivo a Termini, vedo un ritardo di ben 25 minuti, che poi diventano 40, insomma, parte alle 23 50, anzichè alle 23 06, tanto per cambiare.
Mando un sms a Luca Bertolli http://www.comefarea.it/, un carissimo amico , visto che la mattina mi veniva a prendere in stazione, per conoscerci di persona ed andare dopo la colazione in Microsoft. Così, ciuf ciuf , il treno parte, purtroppo ho dovuto condividere il viaggio con altre 5 persone, e quindi dormire rannicchiato non è che sia stato piacevole, passano le ore, e le stazioni, incredibile, ma vero, il trenino, arriva in anticipo, anzichè alle 7.30 (avevo calcolato 8.00 considerando almeno 30 minuti di ritardo) alle 7 .10. Così arrivato a Milano, in Stazione, un flash back per me, visto che qualche anno prima venni per lavoro a Milano. Chiamo Luca e lui con una vocina ancora assonnata, dice, in anticipo, mi scuso, ma lui dice non ti preoccupare.
Così arrivato in stazione, dico, facciamo colazione, ed andiamo in un bar vicino alla stazione, prendiamo cappuccino e brioche (ma non si dice cornetto? ) due chiacchiere (su quali argomenti? be informatica, donne, e poi??????) due risate e poi via, in Microsoft, in quel momento ricevo un sms di Andrea Romeo http://blogs.ugidotnet.org/andrear/Default.aspx che anche con lui, avrei visto per la prima volta di persona. Arrivati in Microsoft, ci avviamo io e Luca all'entrata, in quel momento mi sento chiamare, lele lele, io ???? si??? e lui, ciao sono Andrea, Andrea Romeo, e così conosco Andrea. Con lui c'è Michele di http://dotnetcampania.org/Default.aspx che con lui poi avrei passato la giornata, oltre alla digitale (grazie per le numerose foto che mi hai fatto :-DDD ).
Mentre ci avviamo al bar Microsoft, nel corridoio, tutti contenti e sorridenti, si parla di Lele, ed una persona, che stava davanti a noi con un tono forte ma gentile "Le le" lo cerco di riconoscerlo (be il viaggio è stato duro ) e dico a si Luca, no no a si De luca :-DDD http://www.dotnetwork.it/Team/DotNetWorkTeam/tabid/92/Default.aspx Al bar prendo questa volta un latte bianco (e poi faccio la battuta :-DD, te piaciuta Luca?) visto che troppi caffè non li reggo. Poi si decide di salire, alla reception, che te vedo? la xbox, e portatili con installato windows, il logo di Messenger e tanti altri gadget, inizio a fare foto.
Per me, andare a Milano, era anche la possibilità di conoscere di persona, alcuni "amici" di Microsoft, che da anni ci si scrive ma che di persona non ci siamo mai visti. Sapevo che molti di loro, stavano fuori all'estero o dal cliente, ma per fortuna Raffaele http://blogs.msdn.com/itasupport/pages/raffaele-limosani.aspx c'era e così chiedo alla signora della Reception se poteva annunciarmi a Raffaele.
Qualche minuto ed eccolo, stretta di mano e giù al bar, mentre scendiamo mi parla di varie cose, e con voce allegra e contenta mi fa capire il piacere della nascita dell'User Group Romano http://www.dotnetromacesta.org/ e mi dice che è di Latina ed ha studiato alla Sapienza. Io, sono molto contento, perchè in lui vedo un grande entusiamo. Arrivati al bar, che prendo? be un latte bianco, visto che la giornata si preannunciava di incontri e quindi... evitiamo i troppi caffè. Ci mettiamo a parlare e tra un sorso e l'altro, gli parlo del suo blog e di altre cosette, altre due chiacchiere e via, di ritorno al piano in cui si svolgerà l'evento.
Piano piano arrivano gli altri ragazzi di community, foto e via. Entriamo in sala, e chi ti conosco? La Patrizia http://www.riolab.org/dettAutore.asp?idAutore=4, e gli dico, ma non c'è un'altra MVP :-DDD e lei si dovrebbe arrivare, così mi presenta anche Cinzia http://www.riolab.org/dettAutore.asp?idAutore=10. Gli dico, ma Maurizio Borrelli http://www.riolab.org/dettAutore.asp?idAutore=2 c'è? E così finalmente conosco di persona anche lui, ma quant'è simpatico.
Piano piano, conosco altre persone, be con grande gioia anche Ermanno http://blogs.sysadmin.it/ermannog/Default.aspx dopo tutti questi anni, e Marco di http://dotnettoscana.org/default.aspx .
Alla pausa pranzo, conosco Simone http://blogs.ugidotnet.org/piyo/Default.aspx di cui parliamo dell'evento e Tomas, che non pensavo di incontrare a cui mi ha fatto molto ma molto piacere.
Ed eccoci alla cena, tavoli da circa 8 posti, tondi, ed io con chi potevo capire? con Luca http://community.ugiss.org/blogs/lbianchi/default.aspx, ma non pensavo a priori che la serata sarebbe andata tra un sorso e l'altro di vino :-D. Oltre a me e Luca, c'è Lorenzo, Marco, Matteo, Michele, Fernando e Maurizio. Arriva il vino, e giù un bicchierino, dico subito, sono astemio, ma loro, tranquillo, altro brindisi, di cosa non so più, altro bicchierino, cerco di rallentare i continui cin cin, ma non è facile.
Così vedo la cameriera, che mi sembra di aver vista all'università di Milano :-DDD (qualcuno ricorda??) ma ne vedo un'altra uguale, e dico, capperi, ora il vino mi fa vedere due persone uguali, alla fine si scopre che sono gemelle, e che gemelle :-DD (c'è la foto) . Così si fa un cin cin a loro, un cin cin a Debora (con H al centro :-DDDD ) un cin cin a Gessica la sorella, e la mia testolina ora mai è andata :-DDD . La cameriera, capisce che sono brillo, infatti nel finale, chi viene al tavolo? il cameriere con i baffi, che come definirà Luca, è il papà :-DDD tra l'altro mi porta via anche il dolce (che sono i miei preferiti) che non avevo finito :-(((((.
Alla cena ho anche il grande piacere di conoscere Sara, molto simpatica.
Ad un tratto passa .ale, http://blogs.technet.com/alead_msft/ con dei tagliandini (però io non l'ho ricevuto :-((((( ), e gli dico, cosa servono? mi sento dire (non so da chi) che sono per l'altra sala, nella mia mente allora forse il vino o forse la stanchezza, subentrano dei piacevoli pensieri, ma scropo alla fine che serviva solo per la consumazione di un drink. Mi fermo qui.... :-)))) almeno per la parte del dopo cena, perchè sul tardi, si parte per l'hotel, ed io ora mai cotto, torno in stanza, dopo naturalmente aver fatto una piacevole chiacchierata con Alessandro e Ermanno. La stanza? che dire, per me, che sono ancora abituato al vecchio stile, trovarmi in una stanza dove funzionano tutto (apertura, luci, ecc) con la carta, mi mette in crisi, ma piano piano, prendo mano. Dormo come sasso, il gorno dopo, colazione in hotel, ottimo, un pò di mini cornetti, cappuccino, e via, sul pullman, chiedo all'autista, va alla stazione? e lui no, io uhmmmmm chiamo .ale, e gli dico che non va in stazione, poi mi si avvicina l'autista e mi dice, dopo Microsoft va in Stazione, mi scuso con .ale, e via, sul pullman, con il pensiero di mangiarmi l'autista :-DDD.
Saluto con il "5" (gime five?) i ragazzi che scendo in Micrsooft, gli dico Datemi il 5, tutti un buon 5, mentre il Lorenzo, altro che 5.... :-DDD. si parte per la stazione e faccio due chiacchiere con Marco, arrivati in stazione ci dirigiamo verso la biglietteria, ma in quel momento, una tipa mi si avvicina, e ci chiede indicazioni per una via, Marco risponde dicendo "Noi non siamo di Roma" io mi metto a ridere (ancora avevo l'effetto vino) e poi dice, opz di Milano :-DDD. Certo io non sono di meglio, prendo la scala mobile, nel verso opposto, io cerco di salire, mentre la scala mobile va in discesa, insomma un'altra comica in stazione.
E' così prima prende lui il treno e poi io, con piace, il freccia Rossa, ma alla fine rimango deluso, visto il costo mi aspettavo molto di meglio (e chi lo prende più il treno, meglio il pullman) sperando che non fa ritardo.
Finalmente arrivo a casettaa, tiro su la tapparella, ed i vicini mi vengono a salutare, allora sei tornato, come va? gli dico, ora per i viaggi (prima Calabria, poi Milano) ho finito, week end all'insegna del riposo e poi, lunedì via con il lavoro (speriamo in un rientro morbido).
Se ho dimenticato qualcuno ho sbagliato nominativo, mi scuso, ma tra la tanta gente, le forti emozioni, ed il troppo vino il mio sistema è andato in crash.
Vorrei ringranziare Microsoft Italia per la splendida iniziativa e gli "amici" di Microsoft per avermi invitato a questa bellissima giornata, un grazie anche a tutti gli amici (mvp e lead community) per aver condiviso in quelle ore, pensieri, risate e ...vino :-DDD. Vorrei aggiungere altro, ma la stanchezza di questi ultimi giorni si fa sentire.
Un grazie a tutti, che dirvi..... Microsoft It's fantastic.

sabato 19 settembre 2009

Nuovo blog del supporto tecnico italiano per gli sviluppatori

Da qualche giorno è on line il blog del supporto tecnico italiano per gli sviluppatori .Net consultabile al seguente sito http://blogs.msdn.com/itasupport/ .
Nel blog si trovano interessanti post riguardante la programmazione .Net, con argomenti molto interessanti e di buon livello. Ho avuto modo in questi ultimi mesi, di conoscere alcune delle persone che lavorano dietro questo ottimo blog, e posso dire che sono molto preparate, e disponibili, insomma dei veri professionisti. Proprio ieri, nel giorno dei MVP Days e Lead community, ho avuto il grande piacere e l'onere di conoscere finalmente di persona Raffalele Limosani (lo so, per via dei troppi impegni non sono riuscito a postare prima questa segnalazione. ) http://blogs.msdn.com/itasupport/pages/raffaele-limosani.aspx che ritengo uno dei massimi sviluppatori sullo sviluppo software in ambito mobile, tramite il compact framework. Davvero una persona molto squisita, gentile (grazie per il caffè ;-) ) e professionale.
Insomma, consiglio a tutti gli sviluppatori .Net di seguire il loro blog, che sono certo che ci delizieranno con qualche ottimo post.
Che dirvi... buona lettura :- D

giovedì 3 settembre 2009

Trovare dei valori nei file xml tramite VB.Net

In questo http://www.dotnetromacesta.org/common/trucchi/xml/Manipolare_file_XML.aspx esempio di codice, viene illustrato come ricercare dei valori all'interno di un file xml, tramite il linguaggio di programmazione VB.Net

Download Windows 7 Enterprise

Dal seguente sito http://technet.microsoft.com/it-it/evalcenter/cc442495.aspx?ITPID=insider potete scaricare la versione trial di 90 giorni di Windows 7 Enterprise a 32 bit o 64 bit.